Cerca

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
curiosità cani
curiosità gatti
fai da te per cani
fai da te per gatti
foto - cani
foto - gatti
Notizie dal mondo
Razze di cani
razze di gatti
Salvataggi
Storie incredibili
Sweet
Video
video cani
video gatti

Questo Labrador non ha per niente intenzione di abbandonare il suo fratellino umano in ospedale…

Labrador-retriever-sostiene-bambino-autistico



I legami che uniscono Mahe, un Labrador-retriever nero, e James Isaac, un bambino autistico, sono estremamente forti. Il cane non abbandona mai il suo fratellino umano, rassicurandolo quando sente prossima una crisi d’ansia. Ogni volta che James va in ospedale, Mahe non può fare altro che stargli vicino.

Labrador-retriever sostiene bambino autistico in ospedale

James Isaac è un bambino neo-zelandese di 9 anni che soffre d’autismo. Non parla, e spesso ha delle crisi d’ansia e comunica con le persone soltanto attraverso lo sguardo. Per sostenerlo e rassicurarlo nei momenti difficili, può contare sul sostegno dei suoi genitori, ma anche, e soprattutto su quello di Mahe.

Mahe è un Labrador-retriever nero che fa parte della famiglia da più di 3 anni. E’ stato formato dall’organizzazione Assistance Dogs New Zealand Trust, specializzata nell’allenamento di cani guida. James è estremamente attaccato al suo fedele amico a 4 zampe. Un sentimento reciproco, come spiega sua madre, Michelle: « Anche Mahe considera James come il suo miglior amico. Non ha occhi per nessun altro. »

Labrador-retriever sostiene bambino autistico in ospedale1

fonte foto

Quel giorno, James ha dovuto subire una TAC, e l’esame necessitava un’anestesia generale. I due sono talmente legati che il personale dell’ospedale per bambini di Wellington ha lasciato che l’animale lo accompagni nella sua camera.

Michelle racconta che « Mahe non faceva altro che guardare James. Sembrava molto preoccupato ». Poi, quando James è stato portato a fare la TAC, il cane è rimasto vicino a sua madre nel bar dell’ospedale. Lì, il cane l’aveva aiutata a lottare contro l’angoscia dell’attesa dell’esame, proprio come faceva con il suo amico James.

fonte

Guardate anche: 5 cani guida che aiutano i propri partner umani a gestire il loro quotidiano

Guarda anche…



Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*