Cerca

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
curiosità cani
curiosità gatti
fai da te per cani
fai da te per gatti
foto - cani
foto - gatti
Notizie dal mondo
Razze di cani
razze di gatti
Salvataggi
Storie incredibili
Sweet
Video
video cani
video gatti

10 problemi che il freddo invernale può causare al vostro animale

freddo-invernale-pericoli-animali



L’inverno è un periodo dell’anno in cui gli animali domestici devono essere particolarmente protetti. Il freddo invernale, la neve o ancora il vento glaciale possono avere degli effetti nefasti sulla salute di un cane o di un gatto. Ecco 10 pericoli da non sottovalutare durante questo periodo.

pericoli animali freddo invernale

fonte foto

1. Aumento del peso

Il freddo invernale non dà sempre voglia di fare lunghe passeggiate. La stessa cosa vale per gli animali: sono meno attivi in questo periodo dell’anno e mangiano la stessa quantità di cibo. Di conseguenza, tendono a prendere qualche chilo. Per evitare questo, non esitate a stimolare il vostro amico grazie a dei giochi d’interno (percorso di ostacoli, nascondino, sedute educative…).

2. Il sale per snevare le strade

Il sale utilizzato per snevare le strade e i marciapiedi è particolarmente nocivo per i cani e i gatti. Non solo è importante vegliare al fatto che non ne ingeriscano, ma è anche necessario pensare a sciacquare per bene le loro zampe dopo una passeggiata per evitare ogni rischio di irritazione.

3. La neve sotto i cuscinetti

Dopo una passeggiata sotto la neve, delle screpolature potrebbero apparire sui cuscinetti del vostro animale. Per evitare ciò, pensate ad asciugare bene le zampe del vostro compagno quando rientrate in casa. Una pomata protettrice può anche essere applicata prima di uscire.

4. La riverberazione del sole

Come per l’Uomo, il sole che si riverbera sulla neve può bruciare gli occhi dei nostri amici a 4 zampe. Il problema è che loro non hanno occhiali da sole. Se pensate di portare il vostro cane a sciare, non lasciatelo divertirsi troppo a lungo nella neve.

5. L’ingestione della neve

Si sa, i cani adorano ingerire tutto ciò che gli passano sotto il muso. La neve è uno dei loro piccoli piaceri. Sfortunatamente, quest’ultima potrebbe provocare violente diarree se ingerita in grande quantità.

6. La noia

D’inverno, i padroni sono generalmente meno attivi, e gli animali anche. La noia può allora istallarsi rapidamente e provocare la depressione. La soluzione? Giocare, giocare, e giocare ancora!

7. Le macchine gelate

D’estate, un cane o un gatto lasciato solo in una macchina può rapidamente morire di asfissia e disidratazione. Infatti, la macchina agisce come un forno. D’inverno, lo stesso consiglio viene applicato. Lasciare un animale in una macchina glaciale può costargli la vita, perché quest’ultima agisce come un vero e proprio congelatore.

8. Il raffreddore

Sì, un animale può, come noi, raffreddarsi. Basta che sia stato esposto troppo a lungo all’umidità per prendere freddo. Pensate dunque ad asciugare per bene ogni parte del suo corpo se è bagnato e se fuori è freddo. E soprattutto, non lasciatelo tutto il giorno in giardino senza un riparo!

9. Le candele e il camino

Durante il periodo invernale, le candele e i camini sono accesi per riscaldare le stanze e i cuori. In effetti, cosa c’è di più romantico che una bella cena a lume di candele? Ma attenzione, i cani e i gatti non sono abituati a vedere del fuoco e la loro curiosità potrebbe spingerli ad avvicinarsi troppo!

10. Pulci e zecche

Vi sentite protetti da questi piccoli insetti da novembre a marzo? Purtroppo non è così. Le pulci e le zecche sono resistenti e sono anche molto intelligenti! Infatti, sono capaci di entrare in casa per ripararsi dal freddo invernale. Pensate dunque ad applicare un trattamento una volta al mese al vostro animale!

fonte

Leggete anche: 5 consigli per aiutare il vostro cane ad affrontare il periodo invernale

Guarda anche…



Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*